{META_KEYWORDS centro sarvas, counseling}
Home » Articoli e post » Arte Terapia » Creative Connection

Creative Connection

Creative Connection - Centro Sarvas

Articolo di Cristina Borroni

L’arte nella relazione d’aiuto: un approccio Umanistico

" I modelli di arte interagiscono in quello che io chiamo la Connessione Creativa. Quando ci muoviamo, questo tocca il modo in cui scriviamo o dipingiamo. Quando scriviamo o dipingiamo, questo tocca il modo in cui ci sentiamo e pensiamo. Durante il processo di Connessione Creativa, una forma d'arte stimola e nutre l'altra, portandoci ad un nucleo interno o essenza che è la nostra energia vitale" ( Natalie Rogers)

Ieri(12Novembre 2017) ho avuto l'occasione di fare un intervento sull' Arte nelle Relazioni d'Aiuto, un approccio Umanistico, nel convegno Organizzato da Assoai, un'associazione di categoria di Arteterapeuti, e grazie a questo ho conosciuto il lavoro di Natalie Rogers, figlia di Carl Rogers padre della Terapia Centrata sulla Persona, che creato l'Arte Terapia Centrata sulla Persona.

Natalie Rogers ha avuto il grande merito di unire i modelli artistici incentrati sul corpo con l’approccio di suo padre, Carl Rogers e creare un processo unico chiamato Creative Connection. Il corpo, di cui si era prima di allora tanto parlato, ha iniziato a volere la sua parte, a volersi mettere in gioco.

E la parte fisica si è unita attraverso più linguaggi al seme della creatività e che abita in noi tutti. Non più solo parole, non più solo esperienze seduti per ore a studiare il linguaggio non verbale e quanto le emozioni influenzino il corpo, ma piuttosto partire dalle emozioni come fonte di ispirazione creativa e tradurle in forme esterne, sbloccare l'energia trattenuta all'interno del corpo con la creatività, il movimento, la libera espressione, così da portare insights e trasformazione. 

L’ambiente in cui si lavora viene reso psicologicamente sicuro dal facilitatore o dalla facilitatrice. Questo è fondamentale; un clima psicologico sicuro, empatico, nel quale si pratica una totale accettazione della persona, senza giudizi e pregiudizi, provando piena fiducia nella sua dignità e capacità di autodirezione, è la premessa per un ambiente dove ci si possa muovere con libertà anche in termini di integrazione del dolore o di presa di coscienza delle resistenze e di qualunque altra espressione autentica delle proprie emozioni.

Quando c’è questa condizione, cade il giudizio e l’esperienza dell’Arte espressiva  si riempie di un’utilità profondamente trasformatrice sul lungo periodo per la persona. 

Come terapeuta Rogersiana, credo nella dignità, nel valore e nella capacità di autodirezione di ogni persona. Soprattutto se le viene messo a disposizione un contesto sicuro, empatico e non giudicante

L'applicazione delle Expressive Arts è radicata in questa filosofia. Non a caso si chiama Expressive Arts Centrate sulla Persona (Person Centered Expressive Arts). Da questa base di partenza, si prova a stimolare l’individuo a rivelare ed esprimere se stesso attraverso un processo espressivo unico nel suo genere, la Creative Connection, in cui si combinano e alternano in sequenza più modalità artistiche: suono, arte, danza, psicodramma, scrittura, ecc. Lo scopo è quello di portare la persona in contatto profondo con la sua creatività innata, con la propria essenza.

Quando questo accade la persona è in grado di attingere alla sua verità, diventando più autentica, più sicura di sé, più chiara su chi è e cosa vuole. Più “se stessa”. Si sta molto meglio quando ci si sente liberi di essere se stessi. 

Si tratta di andare verso l’autenticità, in quello spazio/tempo dove sei tu davvero. Vedi, io credo nella possibilità di ogni persona di esprimere il suo massimo potenziale, ciò che nel nostro lavoro chiamiamo “tendenza attualizzante”, che Rogers riconobbe come la tendenza che tutti gli organismi in natura hanno di riuscire ad attualizzare il massimo potenziale, specie se vengono forniti loro alcuni strumenti facilitanti essenziali, dopo avere posto in essere delle condizioni favorevoli, ovvero le tre condizioni facilitanti di Rogers, cioè la congruenza, l'accettazione positiva e incondizionata e la comprensione empatica. 

Io penso davvero che tutti possiamo veramente essere belli. Tutti siamo belli: io questo lo vedo.

E da quando ho fatto entrare nella mia stanza di Psicoterapia il Corpo in tutte le sue espressioni, pittura, scrittura, movimento, meditazione, vedo le persone entrare nel processo, danzare la propria forma artistica in libertà.

Quando condividono ciò che esce, ciò che è quanto di più profondo e autentico tenevano dentro, sono di una tale bellezza, sono delle vere e proprie visioni e io mi sento così fortunata ad assistere a tutto ciò. Credo sia perché in quei momenti entrano in contatto con quello che Rogers chiamava la “forza curativa”, la tendenza umana di diventare le proprie potenzialità.

Un'energia potente, una forza vitale che ti trasforma e ti dà un grande senso di espansione e bellezza. Ecco, io quei momenti li ho vissuti in prima persona e, vedendoli dal di fuori come psicoterapeuta e formatrice/facilitatrice di gruppi, posso assicurare che cambiano i loro visi, cambiano i loro occhi.

" Credo che la creatività sia come la libertà, una volta che la si gusta non si può più farne a meno" (Natalie Rogers)

 

Centro Sarvas

Intervista ad Annica Cerino

Bioenergetica e Training Autogeno

Bioenergetica e Training Autogeno - Centro Sarvas

Bologna, 5 Maggio

Bioenergetica e Mindfulness

Bioenergetica e Mindfulness - Centro Sarvas

Reggio Emilia, 5 Maggio

Residenziale: Il Corpo della Relazione

Residenziale: Il Corpo della Relazione - Centro Sarvas

Agriturismo "Ai due laghi del Verginese" di Gambulaga (Fe) 26 e 27 Maggio

Training autogeno

Training autogeno - Centro Sarvas

Reggio Emilia, dal 5 Febbario

Corso intensivo di Arte Terapia

Corso intensivo di Arte Terapia - Centro Sarvas

Bologna, Salerno.

Supervioni di Arte Terapia

Supervioni di Arte Terapia - Centro Sarvas

Supervisione di Arte Terapia a Bologna e a Salerno.

Arte Terapia Transculturale ®

Arte Terapia Transculturale ® - Centro Sarvas

Bologna, 17 Giugno

Bioenergetica e Rebirthing

Bioenergetica e Rebirthing - Centro Sarvas

Bologna, 5 maggio

Mindfulness e relazione di aiuto

Mindfulness e relazione di aiuto - Centro Sarvas

Seminario teorico-esperienziale. 5 Maggio. Reggio Emilia.

Corsi Ecm

Corsi Ecm - Centro Sarvas

Corsi ECM

Sportello di Ascolto

Sportello di Ascolto - Centro Sarvas

Consulenze di counseling, di psicoterapia e arteterapia.

AssoAi

AssoAi - Centro Sarvas

Associazione professionale di categoria di Arte terapeuti italiani

Dove siamo

Dove siamo - Centro Sarvas

Rimini - Reggio Emilia - Bologna